itenfrdees

Cortometraggio 2015 degli Studenti 
3.F dell’I.I.S. “Bosso-Monti” di Torino 
con la regia Giuseppe Massaglia 
Museo carcere “Le Nuove” Via P. Borsellino n. 3
31 Maggio 2015 ore 15.30-18.30

Tutto finisce con l’ultimo Natale? La distruzione della vita porta al nulla?
I particolari del carcere “Le Nuove” evidenziati nel cortometraggio rivelano la pena indicibile di chi finisce in prigione. Le sofferenze aggiuntive nell’occupazione nazifascista del carcere 1943-45 annientano la dignità umana. 
La detenuta scaraventata sul pavimento della cella dal nazista dimostra l’orgoglio distruttivo di un maschio che uccide non solo la donna ma anche la maternità. Ma la vita del figlio, orfano, continua perché la sua bambolina con cui si identifica, è donata ad un’altra detenuta con il sorriso e l’amore cristiano di Suor Giuseppina. Prevale la condivisione della sofferenza con l’offerta di un tubetto apparentemente di medicinali, in realtà pieno di pezzetti di uova sode, da parte della stessa religiosa alla detenuta chiusa in cella.
All’uomo prepotente, violento e prigioniero di se stesso, si propone una ex-detenuta libera e dignitosa che esce dal carcere per aprire il suo cuore pensante alla Vita. 

Percorso storico museale
(animato dagli Studenti della 2. F dell’I.I.S. “V. Bosso–A. Monti” Succ. Via Moretta Torino)

Prima tappa: CANCELLO D’INGRESSO (Il carcere) 

Seconda tappa: FOTOCERAMICHE (la Resistenza)

Terza tappa: PRIMA TORRICELLA (Il Terrorismo)

Quarta tappa: PIANTA DEL CARCERE (Il sistema panottico)

Quinta tappa: UFFICIO SUOR GIUSEPPINA

Sesta tappa: BRACCIO FEMMINILE – CELLE 

Settima tappa: PRIMO BRACCIO

Ottava Tappa: CELLE DEI CONDANNATI A MORTE

Sabato 16 maggio in occasione della NOTTE EUROPEA DEI MUSEI, sarà possibile visitare il Museo del Carcere LE NUOVE, la sua storia e la sua memoria, in una cornice notturna del tutto particolare.

Il percorso storico-museale propone la scoperta dei luoghi più nascosti dove uomini comuni soffrirono per l’affermazione dell’Italia libera e democratica, dall’Unità all’inizio del Terzo Millennio.
Specchio della società, permette di capire come si vive privati della libertà in una cella.
Si rievocano eventi criminali noti, storie di fascisti, l’ultima esecuzione capitale in Italia, le lotte antifasciste, la resistenza nel famigerato primo braccio tedesco, la testimonianza dei valori universali nelle celle dei condannati a morte, il terrorismo con la barbara uccisione di quattro agenti.
Patrimonio storico e civile dell′umanità che non va dimenticato.

ORARI VISITE STRAORDINARIE AL MUSEO: 20.00 – 21.00 – 22.00 – 23.00
——————————————————————
ORARI VISITE STRAORDINARIE AL RICOVERO ANTIAEREO: 20.30* – 22.00*
(*prenotazione obbligatoria)
——————————————————————
Tutte le visite saranno guidate.

BIGLIETTO D′INGRESSO AL SINGOLO PERCORSO: 4.00€ - Gratuito Carta Musei.

Domenica 26 Aprile 2015 ore 20.30 - Ingresso libero

Perseguendo da tempo l′idea di coinvolgere i giovani nel coltivare la Memoria storica attraverso l′impegno, la partecipazione attiva alla vita sociale e alla passione per la testimonianza dei valori, Ornella Giordano ha ideato il progetto di realizzare un Festival della Memoria con cadenza annuale riservato solisti e gruppi musicali emergenti, sensibili al tema e disponibili a partecipare.

Presenteranno tre brani del loro repertorio, mentre il quarto, liberamente rivisitato e arrangiato, sarà relativo al periodo della seconda guerra mondiale e Resistenza.

Il Museo del Carcere “Le Nuove” di Torino rappresenta uno spazio importante per il contesto storico in quanto contiene i luoghi più nascosti dove donne e uomini soffrirono per l’affermazione di un′Italia libera e democratica, dall’Unità al Terzo Millennio. 

Evoca eventi criminali famosi, storie di fascisti, l’ultima esecuzione capitale in Italia, le lotte antifasciste, la Resistenza nel famigerato braccio tedesco, la testimonianza dei valori universali nelle celle dei condannati a morte ed anche il terrorismo degli anni di piombo con la barbara uccisione di quattro agenti fuori le mura.
Patrimonio storico e civile dell′umanità che non va dimenticato.

In occasione della Festa della Liberazione, il Museo del Carcere Le Nuove organizzerà visite straordinarie al Museo alle ore:
- 9.00
- 10.00
- 11.00
- 15.00
- 16.00
- 17.00
- 18.00

Visite straordinarie al Ricovero Antiaereo (prenotazione obbligatoria):
- 15.30
- 17.15

Il 25 Marzo alle ore 20.30, si terrà la Via Crucis lungo il percorso storico museale del carcere "Le Nuove" di Torino, ricordando quella vissuta dal Padre Giuseppe Girotti, imprigionato alle Nuove dal 29 Agosto al 21 Settembre 1944, prima di essere deportato nel campo di sterminio di Dachau, in cui morì l′1-4-1945.

Lo scopo è ricordare il silenzio della cella, l′amore per il prossimo che nasce da Dio e il senso salvifico delle sofferenze umane se rapportate alla croce di Cristo.

26 Gennaio 2015 , ore 20,30 Braccio Femminile (ingresso € 5).
Compagnia Teatrale “Lontani dal centro”:
Spettacolo “Il flebile filo della memoria”
Testimonianze di sopravvissuti originari di molteplici nazioni europee, ognuno dei quali assume valori universali.

29 Gennaio 2015 , ore 18,30 (ingresso gratuito)
Liceo “D. Berti” Classe IV Sez. C:
Spettacolo “Inciampando nella memoria: Stolperstein a Torino” 
Dal 70° Anniversario della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz alla memoria del singolo: Enzo LOLLI.

Martedì 27 Gennaio alle ore 10.00, in occasione delle ricorrenze per la Giornata della Memoria, si terrà la "Fiaccolata da Porta Nuova a Le Nuove - Fiaccolata della dignità", la consueta marcia per ricordare coloro che persero la vita nei campi di sterminio.

Ritrovo ore 9.30 al binario 17 della stazione di Porta Nuova.

Pagina 8 di 18
Vai all'inizio della pagina